Christine Iacobuzio-Donahue

Certe Fluidità

3 gennaio - 24 gennaio 2023

Ricevimento: giovedì 5 gennaio 2023, 18:00-20:00

Chiedere informazioni Visualizza catalogo Acquista su ARTmine

Christine Iacobuzio-DonahueI dipinti e le sculture in acrilico di sono meditazioni profonde che si pongono a un bivio tra spiritualità e scienza. Buddista tibetano convertito dopo un viaggio in Nepal che gli ha cambiato la vita, Iacobuzio Donahue ha abbracciato gli insegnamenti fondamentali del dharma sulla natura e la trascendenza del dukkha, sofferenza. La sua opera nasconde le sottili basi della realtà umana; verità che ci sforziamo così tanto di dimenticare e respingere nei recessi della nostra mente: la natura impermanente e arbitraria dell'universo, la topografia caotica delle relazioni sociali, i contrasti inerenti al mondo naturale sia dentro che intorno a noi. Queste verità sporgono scomodamente da amalgami di colori primari riccamente saturi, scarabocchi frenetici e l'inattaccabile precisione trovata nella geometria di cubi, sfere, rettangoli o fossili marini, di cui Iacobuzio Donahue è un avido collezionista. Sotto l'apparente semplicità e ingenuità delle sue composizioni minimaliste, Iacobuzio Donahue rivela la rete di complessità che compongono la nostra esistenza.

Iacobuzio Donahue ha una laurea in Biologia presso la Adelphi University e una laurea in medicina presso la Boston University. Patologa gastrointestinale, dirige un laboratorio di ricerca dedicato alla biologia evolutiva e alla genetica delle neoplasie pancreatiche. Iacobuzio Donahue vive e lavora a New York City.

Visualizza le mostre passate

Christine Iacobuzio-Donahue

Certe Fluidità

3 gennaio - 24 gennaio 2023

Ricevimento: giovedì 5 gennaio 2023, 18:00-20:00

Paper Cut While Reading The Nyt 2020
Carta tagliata durante la lettura del Nyt 2020

Acrilico su tavola di legno
12 "x 12"

Chiedere informazioni Visualizza catalogo Acquista su ARTmine

Christine Iacobuzio-DonahueI dipinti e le sculture in acrilico di sono meditazioni profonde che si pongono a un bivio tra spiritualità e scienza. Buddista tibetano convertito dopo un viaggio in Nepal che gli ha cambiato la vita, Iacobuzio Donahue ha abbracciato gli insegnamenti fondamentali del dharma sulla natura e la trascendenza del dukkha, sofferenza. La sua opera nasconde le sottili basi della realtà umana; verità che ci sforziamo così tanto di dimenticare e respingere nei recessi della nostra mente: la natura impermanente e arbitraria dell'universo, la topografia caotica delle relazioni sociali, i contrasti inerenti al mondo naturale sia dentro che intorno a noi. Queste verità sporgono scomodamente da amalgami di colori primari riccamente saturi, scarabocchi frenetici e l'inattaccabile precisione trovata nella geometria di cubi, sfere, rettangoli o fossili marini, di cui Iacobuzio Donahue è un avido collezionista. Sotto l'apparente semplicità e ingenuità delle sue composizioni minimaliste, Iacobuzio Donahue rivela la rete di complessità che compongono la nostra esistenza.

Iacobuzio Donahue ha una laurea in Biologia presso la Adelphi University e una laurea in medicina presso la Boston University. Patologa gastrointestinale, dirige un laboratorio di ricerca dedicato alla biologia evolutiva e alla genetica delle neoplasie pancreatiche. Iacobuzio Donahue vive e lavora a New York City.

Paper Cut While Reading The Nyt 2020
Carta tagliata durante la lettura del Nyt 2020
Traffic Jam in Times Square
Ingorgo a Times Square
Prehistoric Meets Blue 2
La preistoria incontra il blu 2
Orthoceras Stupa
Ortoceras Stupa
Get Rid Of The Evidence
Sbarazzati delle prove
Family Gathering in the Time of Covid
Riunione di famiglia ai tempi del Covid
Party Boat On The Hudson
Festa in barca sull'Hudson
Burn Baby Burn
Brucia piccola brucia
Black Friday
Venerdì nero
Hallucination (1)
Allucinazione (1)
Garden Meditation (3)
Meditazione del Giardino (3)
Garden Meditation (1)
Meditazione del giardino (1)
Garden Meditation (2)
Meditazione del Giardino (2)
Chiedere informazioni Visualizza catalogo Acquista su ARTmine

Guarda le mostre passate di Christine Iacobuzio-Donahue

Alcune fluidità | 3 gennaio - 24 gennaio 2023

L'infinito dei pensieri
50 "x 50" - Acrilico su tela