María Alejandra Ibáñez

Mostra del concorso fotografico internazionale di Chelsea

19 febbraio - 28 febbraio 2019

Ricevimento: giovedì 21 febbraio 2019, 18-20

Chiedere informazioni

di Maria Alejandra Ibáñez la fotografia cattura il magico e il mistico del quotidiano. Attirando la luce per evocare la malinconia, le sue composizioni animano l'inanimato. Se messe a fuoco olistico, le relazioni soggetto-oggetto e i ricordi che definiscono il nostro attaccamento alle cose, fungono da lenti vitali attraverso le quali identifichiamo gli scenari. Ibáñez accentua le cose semplici della vita, come la casa e i mobili. Il suo lavoro consente una tranquilla riflessione sulla nostalgia trattenuta degli oggetti che ci circondano, quando ci allontaniamo per osservarli. Angoli, tableau e luoghi nascosti sono intrisi di identità e ricordo. 

Nato in Perù, Ibáñez si sforza di connettere le persone tra loro. "Viviamo in una società che inizia a mancare e ignorare le connessioni e le relazioni personali", afferma l'artista. Cresciuta senza padre, è stata comunque circondata dall'amore attraverso la famiglia di sua madre, creando ricordi preziosi nella campagna di Lima con i parenti. Quando ha perso suo nonno in un batter d'occhio, Ibáñez ha potuto sentire il dolore e il vuoto ma allo stesso tempo la bellezza e il calore dell'amore che i suoi nonni hanno condiviso per anni, ed è diventata costretta a concettualizzare le relazioni di memoria attraverso il suo lavoro. È stata descritta nella mostra del concorso fotografico internazionale di Chelsea 2019.





Visualizza le mostre passate

María Alejandra Ibáñez

Mostra del concorso fotografico internazionale di Chelsea

19 febbraio - 28 febbraio 2019

Ricevimento: giovedì 21 febbraio 2019, 18-20

Rastro
Rastro

Stampa a pigmenti d'archivio su carta hahnemühle
41,3 "x 27,6"

Chiedere informazioni Visualizza catalogo

di Maria Alejandra Ibáñez la fotografia cattura il magico e il mistico del quotidiano. Attirando la luce per evocare la malinconia, le sue composizioni animano l'inanimato. Se messe a fuoco olistico, le relazioni soggetto-oggetto e i ricordi che definiscono il nostro attaccamento alle cose, fungono da lenti vitali attraverso le quali identifichiamo gli scenari. Ibáñez accentua le cose semplici della vita, come la casa e i mobili. Il suo lavoro consente una tranquilla riflessione sulla nostalgia trattenuta degli oggetti che ci circondano, quando ci allontaniamo per osservarli. Angoli, tableau e luoghi nascosti sono intrisi di identità e ricordo. 

Nato in Perù, Ibáñez si sforza di connettere le persone tra loro. "Viviamo in una società che inizia a mancare e ignorare le connessioni e le relazioni personali", afferma l'artista. Cresciuta senza padre, è stata comunque circondata dall'amore attraverso la famiglia di sua madre, creando ricordi preziosi nella campagna di Lima con i parenti. Quando ha perso suo nonno in un batter d'occhio, Ibáñez ha potuto sentire il dolore e il vuoto ma allo stesso tempo la bellezza e il calore dell'amore che i suoi nonni hanno condiviso per anni, ed è diventata costretta a concettualizzare le relazioni di memoria attraverso il suo lavoro. È stata descritta nella mostra del concorso fotografico internazionale di Chelsea 2019.





Rastro
Rastro
Chiedere informazioni Visualizza catalogo

Visualizza le mostre passate di María Alejandra Ibáñez

Mostra del concorso fotografico internazionale di Chelsea | 19 febbraio - 28 febbraio 2019

L'infinito dei pensieri
50 "x 50" - Acrilico su tela
Unisciti alla nostra mailing list