Fariba Baghi

Mi ricordo di te, conosco questo posto

10 novembre - 1 dicembre 2018

Ricevimento: giovedì 15 novembre 2018, 18-20

Chiedere informazioni Visualizza catalogo

Fariba Baghi ritiene che l'arte agisca da ponte verso la coscienza illuminata; un'espressione genuina dell'anima. Nata a Teheran, in Iran, Baghi ha trascorso la sua prima infanzia immersa in una ricca cultura artistica che risale a migliaia di anni fa. Questa sovrabbondanza di ispirazione ha stimolato la sua immaginazione e ha portato a un desiderio insaziabile di creare. Attingendo dalla sua pratica meditativa, così come dal lavoro di poeti come Rumi e Hafiz, Baghi cerca di esprimere un'armonia tra se stessi e l'universo, che crea utilizzando un delicato equilibrio tra i toni della terra invecchiati e le forme umane eteree che raffigura.

Assistendo alla rivoluzione islamica iraniana in gioventù, Baghi è stata esposta a un improvviso e schiacciante cambiamento nella società e a una grave perdita di libertà, in particolare per le donne. Questo l'ha portata ad emigrare in Canada alla ricerca di una società più aperta. A seguito di un incendio in casa alcuni anni fa in cui ha perso tutti i suoi oggetti e dipinti, Baghi si è trovata a cambiare radicalmente il suo stile verso l'astrazione e ha iniziato a incorporare pigmenti macinati a mano che crea utilizzando materiali come vino, caffè, varie verdure e spezie.

Visualizza le mostre passate

Fariba Baghi

Mi ricordo di te, conosco questo posto

10 novembre - 1 dicembre 2018

Ricevimento: giovedì 15 novembre 2018, 18-20

Schizophrenia
Schizofrenia

Tecnica mista su tela
65" x 29"

Chiedere informazioni Visualizza catalogo

Fariba Baghi ritiene che l'arte agisca da ponte verso la coscienza illuminata; un'espressione genuina dell'anima. Nata a Teheran, in Iran, Baghi ha trascorso la sua prima infanzia immersa in una ricca cultura artistica che risale a migliaia di anni fa. Questa sovrabbondanza di ispirazione ha stimolato la sua immaginazione e ha portato a un desiderio insaziabile di creare. Attingendo dalla sua pratica meditativa, così come dal lavoro di poeti come Rumi e Hafiz, Baghi cerca di esprimere un'armonia tra se stessi e l'universo, che crea utilizzando un delicato equilibrio tra i toni della terra invecchiati e le forme umane eteree che raffigura.

Assistendo alla rivoluzione islamica iraniana in gioventù, Baghi è stata esposta a un improvviso e schiacciante cambiamento nella società e a una grave perdita di libertà, in particolare per le donne. Questo l'ha portata ad emigrare in Canada alla ricerca di una società più aperta. A seguito di un incendio in casa alcuni anni fa in cui ha perso tutti i suoi oggetti e dipinti, Baghi si è trovata a cambiare radicalmente il suo stile verso l'astrazione e ha iniziato a incorporare pigmenti macinati a mano che crea utilizzando materiali come vino, caffè, varie verdure e spezie.

Schizophrenia
Schizofrenia
Become Free
Diventa libero
Ceremony
Cerimonia
Chiedere informazioni Visualizza catalogo

Visualizza le mostre passate di Fariba Baghi

Mi ricordo di te, conosco questo posto | 10 novembre - 1 dicembre 2018

L'infinito dei pensieri
50 "x 50" - Acrilico su tela