GLIL

La vita non è che un sogno

22 maggio - 12 giugno 2018

Ricevimento: giovedì 24 maggio 2018, 18-20

Chiedere informazioni

GLILI collage di 's hanno una crudezza e un'onestà che almeno in parte deriva dal modo in cui riutilizzano vecchie riviste, volantini e altri materiali generalmente considerati "rifiuti". Questo rende anche le loro opere fortemente linguistiche e si possono leggere le opere tanto quanto guardarle. Nella loro intricata tassellatura delle parti, i loro collage preparano il campo di gioco per rappresentare icone con intensità drammatica. Utilizzando frammenti per creare insiemi pittorici, viene portata alla luce la personalità dietro ogni icona; e gli spettatori si sentono come se potessero entrare nella composizione psicologica dei loro eroi culturali.

Il collage di GLIL Samurai 2 si scompatta come un esercizio di libera associazione. Simile alla metodologia sviluppata da Sigmund Freud, questa rappresentazione composita di un ciclopico samurai sembra aver assorbito in sé una miriade di significanti culturali. La bizzarria giocosa della composizione incorpora le piramidi egizie e l'Adamo di Michelangelo, tanto quanto un tempio buddista in stile spalline. In questo modo, l'attività di montaggio del collage diventa uno studio panoramico in quelle minuzie della cultura popolare che l'eredità dei samurai giapponesi è giunta a simboleggiare.

 

Visualizza le mostre passate

GLIL

La vita non è che un sogno

22 maggio - 12 giugno 2018

Ricevimento: giovedì 24 maggio 2018, 18-20

Bruce Lee
Bruce Lee

Collage e tecnica mista su carta
33,5 x 23,5 pollici

Chiedere informazioni Visualizza catalogo

GLILI collage di 's hanno una crudezza e un'onestà che almeno in parte deriva dal modo in cui riutilizzano vecchie riviste, volantini e altri materiali generalmente considerati "rifiuti". Questo rende anche le loro opere fortemente linguistiche e si possono leggere le opere tanto quanto guardarle. Nella loro intricata tassellatura delle parti, i loro collage preparano il campo di gioco per rappresentare icone con intensità drammatica. Utilizzando frammenti per creare insiemi pittorici, viene portata alla luce la personalità dietro ogni icona; e gli spettatori si sentono come se potessero entrare nella composizione psicologica dei loro eroi culturali.

Il collage di GLIL Samurai 2 si scompatta come un esercizio di libera associazione. Simile alla metodologia sviluppata da Sigmund Freud, questa rappresentazione composita di un ciclopico samurai sembra aver assorbito in sé una miriade di significanti culturali. La bizzarria giocosa della composizione incorpora le piramidi egizie e l'Adamo di Michelangelo, tanto quanto un tempio buddista in stile spalline. In questo modo, l'attività di montaggio del collage diventa uno studio panoramico in quelle minuzie della cultura popolare che l'eredità dei samurai giapponesi è giunta a simboleggiare.

 

Bruce Lee
Bruce Lee
Samurai 2
Samurai 2
Undone
Annullato
Iggy Pop 2
Iggy Pop 2
David Bowie 3
David Bowie 3
Chiedere informazioni Visualizza catalogo

Visualizza le mostre passate di GLIL

La vita non è che un sogno | 22 maggio - 12 giugno 2018

L'infinito dei pensieri
50 "x 50" - Acrilico su tela