István Jenő Kovacs

Un passo oltre l'ordinario

29 luglio - 18 agosto 2022

Ricevimento: giovedì 4 agosto 2022, 18-20

Chiedere informazioni Visualizza catalogo

Domina lo storico villaggio di Tata, Ungheria, pittore István Jenő Kovacs contempla le meraviglie della creazione dal suo imponente castello. Fin dalla tenera età, Kovács ha mostrato una mente acuta e curiosa, che lo ha portato in esplorazioni in solitaria del suo ambiente naturale. Lì raccoglieva oggetti, ascoltava il suono del vento e osservava la vita animale. Il fascino di Kovács per gli elementi naturali deriva dall'amore per i poteri esoterici del cosmo. Terra vergine e sabbia furono utilizzate dagli alchimisti che cercarono la formula della leggendaria pietra filosofale, una sostanza in grado di trasformare i metalli vili in oro o argento e garantire l'immortalità. Kovács crede che ci sia un'essenza mistica in tutte le cose, che distilla nel suo lavoro. Si procura materiali da cinque continenti, raccolti durante i suoi viaggi o regalati da amici: sabbia, foglie, semi, conchiglie, piume, pietre e persino spezie. I suoi dipinti sono specchi che riflettono la sua visione cosmopolita ed espansiva del mondo, invitandoci ad apprezzare l'infinita diversità della nostra Terra e la sua magia intrinseca.

Kovács ha frequentato il Liceo Classico di Belle Arti di Budapest. Dopo aver preso parte alla rivoluzione ungherese del 1956, gli è stato negato l'accesso all'università. Ha poi forgiato il proprio percorso di artista, cavalcando l'onda del suo intuito e della sua sensibilità unica. Kovács ha partecipato a residenze in Messico, Austria, Spagna, Svizzera e Portogallo, dove ha presentato una serie di dipinti realizzati con polvere di marmo. Ha esposto in Ungheria, Germania, Francia, Paesi Bassi e Portogallo ed è membro dell'Associazione delle Belle Arti Ungheresi.

Visualizza le mostre passate

István Jenő Kovacs

Un passo oltre l'ordinario

29 luglio - 18 agosto 2022

Ricevimento: giovedì 4 agosto 2022, 18-20

Icarus
Icaro

Tecnica mista su tavola di legno
39,5 "x 39,5"

Chiedere informazioni Visualizza catalogo

Domina lo storico villaggio di Tata, Ungheria, pittore István Jenő Kovacs contempla le meraviglie della creazione dal suo imponente castello. Fin dalla tenera età, Kovács ha mostrato una mente acuta e curiosa, che lo ha portato in esplorazioni in solitaria del suo ambiente naturale. Lì raccoglieva oggetti, ascoltava il suono del vento e osservava la vita animale. Il fascino di Kovács per gli elementi naturali deriva dall'amore per i poteri esoterici del cosmo. Terra vergine e sabbia furono utilizzate dagli alchimisti che cercarono la formula della leggendaria pietra filosofale, una sostanza in grado di trasformare i metalli vili in oro o argento e garantire l'immortalità. Kovács crede che ci sia un'essenza mistica in tutte le cose, che distilla nel suo lavoro. Si procura materiali da cinque continenti, raccolti durante i suoi viaggi o regalati da amici: sabbia, foglie, semi, conchiglie, piume, pietre e persino spezie. I suoi dipinti sono specchi che riflettono la sua visione cosmopolita ed espansiva del mondo, invitandoci ad apprezzare l'infinita diversità della nostra Terra e la sua magia intrinseca.

Kovács ha frequentato il Liceo Classico di Belle Arti di Budapest. Dopo aver preso parte alla rivoluzione ungherese del 1956, gli è stato negato l'accesso all'università. Ha poi forgiato il proprio percorso di artista, cavalcando l'onda del suo intuito e della sua sensibilità unica. Kovács ha partecipato a residenze in Messico, Austria, Spagna, Svizzera e Portogallo, dove ha presentato una serie di dipinti realizzati con polvere di marmo. Ha esposto in Ungheria, Germania, Francia, Paesi Bassi e Portogallo ed è membro dell'Associazione delle Belle Arti Ungheresi.

Icarus
Icaro
Nativity of the Son
Natività del Figlio
Scent of a Woman
Profumo di donna
Chiedere informazioni Visualizza catalogo

Visualizza le mostre passate di István Jenő Kovács

Un passo oltre l'ordinario | 29 luglio - 18 agosto 2022

L'infinito dei pensieri
50 "x 50" - Acrilico su tela