GUARDANDO CRESCERE - Acrilico 36" x 48"

I dipinti di Anya Rubin esplorano i problemi dell'interconnessione umana

Scritto da: Wilson Wong

 

Una singolare sintesi di fattori umanistici e formali anima l'arte di Anya Rubin, pittrice di origine russa che attualmente vive e lavora nel New Jersey, presso Agora Gallery, 530 West 25th Street, dal 28 settembre al 18 ottobre. (Ricevimento giovedì 4 ottobre , dalle 18:00 alle 20:00.)

Uno dei dipinti che meglio rivela la capacità di Rubin di fondere elementi astratti e figurativi è la composizione acrilica che Rubin chiama "Watching You Grow". Qui, la figura quasi spettrale di una donna che guarda con affetto su una fila di tre piante è sovrapposta a una griglia di sfumature rosse, verdi, blu e gialle sottilmente modulate che fungono da armatura formale per l'argomento. Il dispositivo della sovrapposizione è stato impiegato da un'ampia gamma di artisti nel corso dei decenni, da Francis Picabia a David Salle; tuttavia, pochi hanno integrato elementi disparati con così tanto successo. Perché non solo le forme sinuose delle piante e dei fiori si armonizzano con i quadrati che li aderiscono al piano del quadro in virtù della sapiente gestione di qualità cromatiche complementari da parte di Rubin, ma gli attributi formali del quadro ne esaltano la risonanza emotiva contribuendo al suo stato d'animo sereno. Ovviamente, queste piante che lei considera così affettuosamente sono vitali per il benessere della donna e la sensazione di aver creato un mondo privato ordinato all'interno del caos e dell'incertezza del mondo più ampio.

Una metafora visiva più metafisica dell'armonia si ritrova in una composizione a olio e tecnica mista che Rubin chiama "Artist at Work". Qui, la figura dell'artista femminile emerge da un fondo blu intenso in un modo che ricorda sia la fluidità lineare che le atmosfere notturne ossessionate di Edvard Munch. Questo è uno dei dipinti più apertamente espressionisti di Rubin, eppure contiene anche un elemento di surrealismo. Mentre alza la mano sulla tela che si può solo presumere esista (perché mentre i suoi contorni sono inghiottiti dallo sfondo blu oscuro, forme astratte delineate con grazia sono chiaramente visibili contro l'oscurità circostante), l'avambraccio dell'artista si trasforma nella miniatura ma a figura intera figura di uomo. Anche altre figure e volti volteggiano tra le pieghe del suo abito colorato, suggerendo che le sue creazioni costituiscono la vera sostanza della sua esistenza. Le figure all'interno delle figure sono un motivo ricorrente nell'opera di Rubin, che appare di nuovo in "Letting Go", un'altra opera a olio e tecnica mista, in cui la figura formosa di una donna inginocchiata appare contemporaneamente nuda e ammantata in uno sciame colorato di forme figurative più piccole. Allo stesso tempo, altre piccole figure semi-astratte, indipendenti dalla figura centrale, saltellano nelle vicinanze, come per invitarla a unirsi a loro in una danza comune. Ma sebbene mostri interesse e appaia persino divertita dalle attività degli altri, la figura principale rimane distaccata, monumentale, forse suggerendo (come suggerisce il titolo) che è necessario lasciar andare certi coinvolgimenti umani per essere un osservatore e un vero creatore.

Il fatto che Anya Rubin, un'artista che sembra perseguitata dal significato spirituale della nostra innata interconnessione, sollevi tali domande, senza tentare di rispondere in qualche modo, rende il suo lavoro filosoficamente, oltre che esteticamente, intrigante.

Leggi altre recensioni