Blue Moon, Dipinti, 36 x 60

I dipinti di Chantal Westby proiettano una grandezza epica

L'espressione italiana 'di sotto in su', che significa "guardare in alto dal basso", è un espediente per creare allusioni spaziali tramite un severo scorcio, ed è spesso vista negli affreschi del soffitto di Andrea Mantegna e di altri maestri del Rinascimento, ma si incontra raramente in il lavoro di artisti contemporanei. Chantal Westby, pittore francese trasferitosi negli Stati Uniti negli anni '80, è una delle rare eccezioni. Westby utilizza spesso di sotto in su in modo efficace per aggiungere un senso dinamico di profondità alle sue grandi composizioni multimediali miste, mentre a volte produce una sensazione quasi vertiginosa nello spettatore. Questa sensazione vertiginosa è particolarmente forte nella grande tela di Westby "Ship Wreck Survivor", con le sue onde tumultuose che ricordano le tempestose scene marine di Turner. Nel dipinto di Westby, invece, una grande mano – presumibilmente quella di Dio – appare nel cielo stellato notturno, guidando la minuscola figura verso la riva. La spessa pittura dell'artista esalta la drammaticità della scena, con impasti tattili che si accumulano sulla superficie della tela, rendendo fisicamente palpabili la schiuma bianca sulle onde che si infrangono e le trame scoscese delle rocce marroni. In effetti, la figura del sopravvissuto sballottato dalle onde che nuota a fatica verso la riva, mentre l'albero della sua nave naufragata ondeggia in lontananza, è così densamente pigmentata da proiettare un'ombra reale sulla superficie del mare impetuoso, evocata anche in succosi colpi. L'immagine ha una qualità mitica che fa pensare a poemi epici come "Moby Dick" o "Jonah and the Whale", sebbene tradotti in termini viscerali viscerali dal modo audace di Westby con la composizione e i materiali. Il senso di vertigine investe ancora una volta una tecnica mista e pittura acrilica su tela ancora più grande chiamata “La Source” con un impatto insolito. Qui, mentre la composizione è essenzialmente astratta, si ha un senso, non solo dal titolo, ma anche dalle forme gialle che scendono come raggi accecanti in prospettiva dinamica da un fulcro centrale, di fissare il sole. Questa immagine, in particolare, possiede un potere simile a quello del famoso dipinto dell'artista femminile della Beat Generation Jay De Feo, "The Rose", leggendario per la sua applicazione di vernice a spessore senza precedenti. Mentre l'impasto di Westby potrebbe non essere così denso in “La Source”, l'effetto del lavoro sullo spettatore è ugualmente ipnotizzante in virtù del suo approccio spaziale. Uno stato d'animo opposto è evocato in "Blue Moon", un'opera investita di un sereno mistero atmosferico, in cui il globo lunare fluttua nel cielo notturno trascinando lunghi ciuffi di nuvole che ricordano i capelli di una donna al vento. In basso compaiono forme geometriche rettangolari, come rifiuti che galleggiano in un fiume, suggerendo contrasti tra il regno etereo e quello terrestre. In altri dipinti di Westby, come "Delivering the Light" e "Fortune's Wheel", l'astrazione è usata in modo allusivo per evocare un senso dello spirituale con immagini che suggeriscono vari stati dell'essere senza ricorrere alla descrittività letterale. In una composizione chiamata "Horizon", tuttavia, le forme di uccelli bianchi volano bassi su un terreno accidentato come un aereo che si avvicina a una pista e si allontanano in prospettiva svanente verso un cielo blu striato, trascinando lo spettatore lungo le ali della velocità pittorica pura di Chantal Westby . –– scritto da Peter Wiley

Leggi altre recensioni