Connessioni universali nell'arte di Anicée

Scritto da: Peter Wiley

Le relazioni estetiche possono spesso attraversare le barriere culturali e manifestarsi in modi inaspettati. Uno di questi esempi può essere visto nel sentimento asiatico forse non intenzionale ma sorprendente nelle composizioni del giovane pittore contemporaneo di talento che espone sotto l'unico nome di Anicée.

Nata nelle Alpi francesi da padre francese e madre tunisina, Anicée attualmente vive e lavora a Montreal, in Canada, dove crea tele esplorando la diversità della natura in termini che riflettono la sua eredità mista, di cui dice: "Cerco di fondere la ricchezza di entrambe le culture".

Sebbene Anicée affermi anche che si sforza di raggiungere "l'universalità" nella sua arte, per quanto si sa, ha un interesse speciale per l'arte della Cina e del Giappone, avendo più che abbastanza nel suo background per ispirarla. Eppure una parentela con l'arte asiatica si manifesta comunque, non solo stilisticamente ma nell'approccio di Anicée alla natura, a giudicare dall'opera esposta nella mostra "Abstract Concepts", in mostra presso Agora Gallery, 530 West 25th Street, dal 10 al 30 maggio, con un ricevimento il 15 maggio dalle 18:00 alle 20:00.

Per cominciare, Anicée tende a preferire lavorare in modo monocromatico nei suoi dipinti su tela a tecnica mista, così come nelle sue stampe serigrafiche. Quindi entrambi invitano al confronto con la pittura tradizionale cinese, in cui l'inchiostro nero su carta bianca è sufficiente per suggerire ogni colore nello spettro. A parte ovvie eccezioni come le composizioni in bianco e nero di Franz Kline e pochi altri, la pittura monocromatica, altrimenti nota come grisaille, è relativamente rara nella pittura occidentale moderna. Per quanto astratti ed enfaticamente non tradizionali siano i suoi dipinti, tuttavia, Anicée si dedica alla grisaille con la stessa naturalezza di qualsiasi pittore asiatico tradizionale, sebbene nei suoi lavori recenti, come il pittore francese Yves Klein, scelga di lavorare principalmente in blu anziché in nero.

Ancora più pertinente alle relazioni che stiamo notando qui è la spinta lineare del suo lavoro, che ci ricorda che insieme alla pittura e alla poesia, la calligrafia è una delle “tre perfezioni” fuse nell'arte asiatica. La linea di Anicée possiede una grazia sinuosa che raramente si incontra nella pittura occidentale contemporanea e il suo uso dello spazio bianco nelle sue composizioni conferisce loro un senso di spaziosità simile a quello che vediamo nei rotoli di paesaggi asiatici, con le loro vedute di "montagne e fiumi senza fine ," per prendere in prestito la felice frase del poeta americano influenzato dallo Zen Gary Snyder.

Detto questo, non ci sono montagne o fiumi facilmente distinguibili nei dipinti di Anicée, né altri tentativi evidenti di delineare aspetti riconoscibili del paesaggio. Le sue composizioni sono completamente astratte, catturando lo spirito interiore della natura piuttosto che il suo aspetto esteriore con graziose reti ritmiche di linee e segni che scorrono e si fondono con una libertà simile ai disegni a mescalina di Henri Michaux; eppure che le composizioni di Anicée siano ovviamente informate da una sensibilità più sobria e raffinata è indicato dal suo uso frequente di una griglia come armatura formale per le sue esplorazioni lineari. E mentre i suoi dipinti, che spesso hanno titoli enigmatici come "La forza del vuoto" e "Etude 6: Far From Near", suggeriscono almeno una fugace consapevolezza della filosofia Zen, il fatto che Anicée sia apparentemente arrivata a tali relazioni da sola rende il suo lavoro tanto più notevole.

Crediti immagine: Studio 1: Il senso di gravità Tecnica mista su tela, 65" x 64"

Leggi altre recensioni