Esplorando la continua evoluzione dell'arte digitale

Scritto da: Peter Wiley

Oggigiorno praticamente tutti si divertono con i computer, ma solo i talentuosi elusi facili effetti speciali per creare autentiche opere d'arte, come quelle presenti in "Pixel Perfect: ¬¬The Digital Fine Art Exhibition", presso Agora Gallery, 530 West 25th Street, dal 18 aprile all'8 maggio (Reception: 24 aprile, dalle 18:00 alle 20:00).

Stewart Michael Bruce integra le sue abilità di pittura e disegno nei suoi fotomontaggi digitali per creare una sintesi compositiva complessa e senza soluzione di continuità di immagini sovrapposte che porta le innovazioni di predecessori come Robert Rauschenberg diversi passi avanti. In "Baby Doll" di Bruce, ad esempio, una forma di lingerie tra le altre in una finestra piena di un'intrigante serie di riflessi sembra prendere vita in modo sensuale, suggerendo un Pigmalione degli ultimi giorni.

La tecnologia informatica passa anche in secondo piano rispetto all'ingegno creativo e agli attributi pittorici nelle composizioni dell'artista noto con il nome unico Jouanne, le cui esplorazioni a mano libera in Crayola e pastelli a olio olandesi suggeriscono audaci composizioni astratte. Sebbene possano sembrare infantili, le composizioni di Jouanne sono in realtà molto sofisticate nella tradizione di Mirò e nelle astrazioni biomorfiche di William Baziotes, come si vede in "Crimson", con le sue forme sinuose e decentrate e l'uso accecante delle primarie.

Al contrario, Didier Deleidi utilizza la matematica frattale e un sistema di computer grafica orientato alla matematica frattale per creare impronte C luminose che esplorano con fantasia infinite viste cosmiche, microscopiche e sottomarine. In "117-Versus" di Deleidi, misteriose aure viola circondano una forma centrale che suggerisce la testa e le spalle di una figura fantasma, mentre la sua "124 ¬¬ Abyssia" è una composizione più liricamente amorfa in cui intricati schemi di luce emanano da un blu luminoso campo.

Atipica della computer art, la fotografia digitale squisitamente illuminata di Kaori Michishita è dotata di un ritegno coloristico che infonde alle sue immagini spesso surreali un sorprendente senso di drammaticità e gravità. In "Wishing", Michishita fa una commovente dichiarazione umana con due mani aggraziate che si protendono con desiderio verso un misterioso oggetto fluttuante, mentre esemplifica le teorie sull'estetica giapponese avanzate da Jun'ichiro Tanizaki nel suo eloquente saggio "In Praise of Shadows".

T. Mikey, d'altra parte, esemplifica una sensibilità neo-pop-fantascienza-hip-hop nelle sue composizioni bizzarre color caramella, come "Picnic on the Moon", con la sua pletora di vivaci figure umane e animali che scatenano gioiosamente in una scena che ricorda un baccanale lunare di un discendente contemporaneo di Hieronymus Bosch. Tuttavia, le opere che T. Mikey crea con una tecnica segreta che coinvolge numerosi strati di pellicola trasparente, vernice e un assortimento di luci multicolori, incorniciate in scatole luminose, hanno invariabilmente un fascino più ottimista.

Lamelle sottilissime di luce illuminano parzialmente gli interni verdi ombrosi nelle fotografie misteriosamente evocative del fotografo indiano Pankaj Mistry. Pur catturando ciò che lui chiama "quella magica frazione di secondo in cui un momento ordinario decide di condividere uno straordinario segreto", Mistry crea anche composizioni geometriche austeramente belle come un dipinto a strisce di Barnett Newman.

Al contrario, le immagini figurative sommerse si nascondono all'interno delle stampe giclée apparentemente astratte di J. Coleman Miller, fornendo un bonus a sorpresa per coloro che le esaminano attentamente. In "The Fury" di Miller, per esempio, chi è inizialmente estasiato esclusivamente dalla fluidità liquescente delle forme può scoprire improvvisamente teste stilizzate di cavalli da corsa tra le infuocate sfumature dorate.

Architettura fantasiosa, fiori fluttuanti e altre allegre meraviglie animano i coinvolgenti paesaggi urbani, i paesaggi e gli spazi suburbani idealizzati dell'artista italiana Maria Trezzi, che inizia creando le sue scene in collage. Solo dopo che le immagini sono saldamente al loro posto, Trezzi le sottopone alla manipolazione del computer per completare la metamorfosi immaginativa.

Crediti immagine: Stewart Michael Bruce - Metropolis-Eye-of-the-City Stampa digitale su carta 23,5" x 29"

Leggi altre recensioni