Evoking Spirit: Le trasformazioni intuitive di Allan Wash

Scritto da: Peter Wiley

Alcuni motivi senza tempo che si ripetono ripetutamente nelle culture native di tutto il mondo informano l'arte di Allan Wash, i cui avvincenti dipinti acrilici possono essere visti presso la Galleria Agora, 530 West 25th Street, dal 26 ottobre al 15 novembre. (Ricevimento giovedì 1 novembre, da dalle 18:00 alle 20:00.)

Da ragazzo, durante gli inverni notoriamente freddi del suo nativo Minnesota, Wash sognava climi tropicali e culture esotiche. Più tardi, ha viaggiato per il mondo e si è innamorato dell'arte e dei manufatti che, come dice lui, riflettono "una visione pura e genuina". Sebbene abbia conseguito un MFA presso la Minneapolis School of Art e abbia ottenuto oltre 160 premi nel corso di una illustre carriera come grafico, Wash è stato in grado di eludere le insidie della raffinatezza e creare dipinti diversi da quelli di AR. Penck e altri "neoespressionisti" che riducono il primitivo a un mero manierismo sono piacevolmente distratti dalle tendenze e dalle mode di oggi. Più alla maniera degli espressionisti originali, Wash trae energia da fonti primordiali.

L'influenza di maschere e totem è evidente in dipinti come "Triangolo" e "Origini". Nel primo, la tavolozza quasi monocromatica esalta la potenza delle figure spigolose. Al centro della composizione c'è una figura che ricorda una formidabile divinità femminile. È affiancata da volti simili a maschere e forme frastagliate forse derivate da disegni tribali. Eppure l'immagine sembra presentare un'interpretazione soggettiva dei temi indigeni, piuttosto che aspetti specifici di una particolare tribù o cultura. È l'espressione deliberata di un uomo con una comprensione molto evidente delle tradizioni civilizzate che ha rifiutato per principio e la capacità di combinarle con metodi più intuitivi in una sintesi altamente evocativa degli opposti. In "Origins", le forme sono più arrotondate di quelle in "Triangle" e la combinazione del dipinto di rosso viscerale e tonalità marroni terrose, mediate da aree di blu, ne esalta ulteriormente la sensualità. Ancora una volta, una figura femminile domina la composizione come motivo centrale. Solo qui, a differenza dell'opera precedente, i suoi contorni fluidi suggeriscono una dea della fertilità. Mentre l'intera composizione di un altro potente acrilico su tela è riempita da un volto simile a una maschera dotato di un potere decisamente primitivo, il titolo suggerisce un'emozione più diffusa nelle culture civili: "Ambivalenza". Allo stesso modo, il dipinto acrilico che Wash chiama "Red Dream" comprende croci, cuori, uccelli, pesci e altri simboli nettamente semplificati; tuttavia la figura che occupa il centro della composizione non ha affatto un aspetto primitivo. Piuttosto, è più simile ai sensuali nudi femminili di Modigliani, con il suo busto allungato e le calde colorazioni rosse. In effetti, la sua posa completamente frontale e le braccia distese rivelano un certo abbandono che raramente si incontra tra gli schemi rituali dell'arte primitiva. Allo stesso modo, le distorsioni spigolose della scena di strada messicana "Tijuana Heat" ricordano Tamayo, mentre le forme pittografiche di "Maiorca" sono simili alle prime opere semi-astratte di Rothko e Gottlieb.

Come tutti gli artisti seri devono, non importa quanto rispettosi possano essere delle fonti indigene e quanto possano sforzarsi di emulare la loro immediatezza, Wash filtra l'iconografia tribale attraverso una sensibilità moderna altamente originale, e così la libera dalle sue intrinseche superstizioni, tabù e limiti estetici. Ciò che ci dà, infine, è il potere spirituale di tali immagini, sebbene tradotte in simboli universali che parlano in modo eloquente oltre i confini culturali.

Crediti immagine: EVOLUTION BLUE - Acrilico su tela 54"x54"x1.5"

Leggi altre recensioni