Corpo, Fotografia, 24 x 40

Fuori dall'ombra: la drammatica fotografia digitale di Denis Palbiani

L'uso del chiaroscuro, in netto contrasto tra luci e ombre in pittura, fu perfezionato da Caravaggio, il più potente e originale artista italiano del XVII secolo. Ebbe un'enorme influenza su altri pittori che vennero chiamati "caravaggeschi", tra cui l'artista francese Georges de La Tour, noto per le sue scene notturne con candele usate come fonte di luce. Il chiaroscuro è stato da allora impiegato da numerosi artisti nel corso dei secoli, ma pochi artisti contemporanei che lavorano nei nuovi media di oggi lo hanno sfruttato con successo come il connazionale di Caravaggio Denis Palbiani. Nato in provincia di Reggio Emilia, Italia, ora espone a New York City, Palbiani ha iniziato la sua carriera come fotografo marino di successo, vincendo importanti premi e concorsi in quel campo in Italia, Stati Uniti, Russia, Francia, Turchia, Corea, e la Repubblica Ceca, culminata nell'assegnazione del Campionato mondiale di fotografia subacquea. Da quando ha intrapreso la fotografia digitale d'arte, Palbiani ha innovato una tecnica per la quale è forse meglio designato come "scultore con la luce". Perché il fattore distintivo nelle sue stampe del nudo femminile è un uso altamente contrastante e ad alta definizione di luci e ombre che conferisce profondità e peso palpabili, quasi tridimensionali alla forma bidimensionale. Per ottenere questa qualità unica nelle sue immagini, Palbiani non si affida ai filtri di Photoshop o ad altri mezzi ad alta tecnologia. Piuttosto, ha escogitato un metodo nuovo di zecca con cui creare la sua variazione sul "tenebrismo" di Caravaggio. Lavorando nel buio più completo, tiene una piccola lampada a mano accanto al corpo nudo della modella per illuminare la parte dell'anatomia che desidera fotografare, lasciando il resto in ombra. Il chiaroscuro caravaggesco che ottiene con questo metodo è particolarmente attraente in "SL", una stampa digitale di ventiquattro per quaranta pollici in cui i contorni esterni linearmente illuminati di una donna nuda inginocchiata a quattro zampe quasi interamente avvolta dall'oscurità circostante assumono la grazia e la bellezza snella e abbreviata di un Brancusi. In un'altra stampa chiamata "Body", la forma fluida di una modella nuda sdraiata si allontana in una prospettiva evanescente, la sua forma definita da un'aura dorata che suggerisce un alone per tutto il corpo. Ma forse la stampa più sorprendente di tutte è "Sensual Curves", in cui solo una sottile linea di luce gioca sinuosamente solo sui contorni esterni di un altro nudo sdraiato, creando l'impressione inquietante e convincente di un serpente con una testa umana, come in un sintesi di Eva e il Serpente del mito biblico. In altre opere, come la serie “Opera”, il chiaroscuro è impiegato in maniera meno radicale per mettere in risalto la testa e il busto del soggetto, come in “Opera 9”, dove dal nero emerge quanto basta della forma nuda della modella, le sue trecce dorate fluiscono dietro di lei, a suggerire la polena a prua di una nave vichinga. Poi c'è "Red Passion", dove sono visibili solo la parte inferiore del viso e la mano della modella e l'unico colore in una composizione altrimenti monocromatica è lo scarlatto brillante del suo rossetto. Sebbene questo artista esposto a livello internazionale e ampiamente collezionato abbia anche realizzato notevoli immagini di paesaggi e altri soggetti, queste immagini sensuali e scultoree della forma femminile sono tra le sue realizzazioni più straordinarie. ––– Wilson Wong

Leggi altre recensioni