Tremolo, Quadri, 39 x 39

La Sinfonia Tattile/Coloristica di Yuta Strega

Sebbene abbia ricevuto la sua prima educazione artistica al College of Fine Arts di Francoforte, in Germania, Yuta Strega vive in Francia e lavora in uno studio che, nella descrizione poetica di uno scrittore “si apre su un lungo giardino in pendenza in cui forme vegetali e colori si mescolano, poi si allunga in un paesaggio ondulato infinito”. E per quanto bucolico possa sembrare quell'ambientazione, gli oli su lino di Strega esemplificano tutta la raffinatezza urbana che si associa al meglio alla Scuola di Parigi. La tela che allude più direttamente all'ambiente pastorale dell'artista è anche una delle sue opere più astratte: "Home Sweet Home" è un'esplorazione lirica di tonalità verdi, gialle e blu pallide ma luminose che brillano tra forme amorfe che evocano un'atmosfera sognante piuttosto che uno specifico senso del luogo, un magico stato d'animo di estate e luce solare. In altri dipinti di Strega prevalgono contrasti tonali più intensi, e tra il gioiello si possono distinguere riferimenti della figura, dell'architettura e degli oggetti come colori e forme astratte fortemente strutturate. In queste opere il termine “costruzione del colore” è più appropriato, dato che le forme sembrano derivare dall'atto stesso della pittura, come se l'artista le scoprisse all'interno di aree pittoriche che potrebbero suggerire un'armatura del cubismo parzialmente decostruita da maree impulsive e in aumento dell'espressionismo astratto. Qua e là, nelle composizioni apparentemente astratte di Strega si intromettono vestigia della figura, come si vede in "A Tempo, Tempo Primo" e "Anges Déchus". In entrambi i dipinti c'è un senso di folla che spinge, e in quest'ultimo ci sono tracce di tratti del viso sugli "angeli caduti", con forme verticali sullo sfondo che suggeriscono l'architettura urbana. E in un altro olio su lino intitolato “A Tempo Replica” la grande forma rettangolare nell'area prevalentemente rossa in alto della tela si legge come un edificio, mentre le forme in basso potrebbero essere viste come figure in primo piano un po' oscurate dal movimento sfocato, luce solare e possibilmente fumo o smog. L'effetto totale è del miasma della città resa maestosa in virtù di colori meravigliosamente armonizzati, con le persone fuse come un mazzo di fiori da una visione artistica senza soluzione di continuità. Ciò che potrebbe essere caotico e transitorio è reso immutabile da un delizioso stile pittorico che induce a paragonare Strega a Nicholas de Staël. In effetti, viene in mente de Staël assaporando dipinti di Strega come "Bol en Mouvement" e "Jarre d'Antibes", dove le forme riconoscibili di vari vasi appaiono come elementi di spicco nelle composizioni altrimenti astratte di Strega. Ma la somiglianza con gli artisti più antichi va ancora più in profondità, estendendosi alla qualità della pittura stessa, che conferisce a questi dipinti un fascino tattile che completa la loro bellezza cromatica. In altri oli su lino come "Tremelo" e "Arpeggio", i termini musicali richiamano l'attenzione sui ritmi compositivi cadenzati e sulle sottigliezze del colore che sembrano funzionare come melodie intessute attraverso i movimenti di una sinfonia. Qui le forme riconoscibili delle figure sono meno evidenti, fatta eccezione forse per i visi deboli che emergono dai veli luccicanti di colore nell'Arpeggio, come fantasmi serenamente trasportati dalla musica. In effetti, sebbene l'obiettivo principale dei suoi dipinti siano i loro attributi astratti, che sono più che sufficienti per trattenere e catturare la nostra attenzione, tali dettagli sono sorprese bonus che rendono i dipinti di Yuta Strega ancora più piacevoli. ––Byron Coleman

Leggi altre recensioni