La galanteria egualitaria nobilita l'arte di Ricardo Lowenberg

Scritto da: Marie R. Pagano

Le donne sono oggettificate, e persino umiliate, da artisti maschi in così tanti modi in così tanta arte contemporanea che difficilmente si è preparati per il dolce romanticismo e la galanteria estetica che contraddistinguono i dipinti dell'artista messicano Ricardo Lowenberg, in mostra alla Galleria Agora, 530 West 25th Street, a Chelsea, dal 9 al 30 settembre (reception 11 settembre, dalle 18 alle 20).

Se l'opera di Lowenberg condivide alcune qualità con quella di Frida Kahlo¬¬solo, una Frida molto meno tormentata, senza sangue e lacrime¬¬ è possibile che sia da attribuire al fatto che, da ragazzo, crescendo in una famiglia di artisti a Città del Messico, sua madre lo portava spesso a casa di Frida Kahlo, dove le sue sorelle maggiori andavano spesso a giocare da piccole.

In ogni caso, guardare da vicino il lavoro di Kahlo potrebbe aver insegnato a Lowenberg qualcosa su come le lezioni dell'arte popolare messicana, la sua chiarezza, i suoi colori brillanti e la semplice figurazione frontale, possono essere deliberatamente emulate e integrate nel lavoro di un pittore sofisticato con effetti sorprendenti . Ha anche studiato i grandi muralisti messicani e ovviamente ha sviluppato il suo modo di fondere le loro forme forti e l'audacia coloristica con il tipo molto diverso di delicatezza che si vede negli impressionisti francesi per creare la sintesi personale unica e originale che informa il suo lavoro.

La sensibilità piena di sentimento che ha reso Lowenberg uno dei pittori contemporanei più celebri del Messico negli ultimi anni ha molto a che fare con una sensibilità che sembra distaccarsi in qualche modo dalle tendenze dominanti della nostra epoca. Particolarmente rinfrescante è la sua apparente libertà dalla disperata ricerca della novità che ha dato origine a quello che può essere definito solo un culto mondiale della bruttezza.

Sebbene siano chiaramente individui con proprie qualità specifiche, le donne nei suoi dipinti possiedono tutte in comune una bellezza quasi sacra che è particolarmente evidente nell'olio su tela intitolato "Inocencia". L'immagine ritrae una ragazza snella con un abito bianco arricciato, in piedi su una veranda con l'affascinante goffaggine della prima adolescenza, che tiene in braccio una semplice bambola, come se fosse riluttante a lasciare andare un oggetto che potrebbe rappresentare il suo ultimo legame con l'infanzia. Sebbene abbia la genuinità di una delle lattaie dalle guance rosee di Renoir, la sua adorabile carnagione e i suoi lineamenti sono chiaramente messicani, così come il paesaggio terroso che si estende dietro di lei.

Qui, come negli altri suoi ritratti femminili, uno degli attributi più soddisfacenti dei dipinti di Ricardo Lowenberg è il modo armonioso con cui integra le figure con l'ambiente circostante. Ciò è particolarmente evidente in "Monica", in cui le configurazioni possiedono un'angolarità quasi cubistica. Tuttavia, è più di un semplice dispositivo formale; è il modo dell'artista di rivelare l'affetto di queste donne per il loro ambiente familiare, che si manifesta in modo più drammatico in "Alicia", in cui la modella, che ricorda una versione messicana dell'elegante attrice francese Juliette Binoche, guarda lo spettatore da dietro una fila di grandi fronde dai colori brillanti.

Sebbene i dipinti di donne costituiscano una delle aree più prolifiche della sua opera, Ricardo Lowenberg rivela la sua versatilità in soggetti di nature morte magistralmente organizzati come "Limones Y Bromelia", così come nella composizione alquanto surreale "Esperanza", in cui un il nascituro appare in posizione fetale in una forma simile a un utero, centrato in quello che sembra essere un paesaggio metafisico.

Crediti immagine: Monica, Tecnica mista su tela, 31" x 27"

Leggi altre recensioni