Violinista, Dipinti 39,5 x 47

La pittrice moscovita Elena Shorokhova-Gayun onora una tradizione lunga molti secoli

Per parafrasare W. Bruce Lincoln, autore di "The Romanovs", la Russia è una terra unicamente sospesa tra Oriente e Occidente, passato e futuro. Molti di noi che sono cresciuti negli Stati Uniti durante il periodo della Guerra Fredda erano così preoccupati dalle implicazioni politiche di questa Superpotenza rivale da essere tristemente inconsapevoli delle sue vaste ricchezze culturali. A differenza di molti altri artisti russi di oggi, che seguono le tendenze del mondo dell'arte escludendo il tesoro estetico che è la loro eredità nazionale, Elena Shorokhova-Gayun, pittrice con sede a Mosca, assimila elementi dell'iconografia bizantina medievale e del modernismo russo nel suo singolare vocabolario artistico. Una delle opere più impressionanti della mostra a New York di Shorokhova-Gayun è "East Harem, East Bazaar Diptych", in cui le precise forme architettoniche, una molteplicità di minuscole figure, motivi intricati e colori brillanti uniscono molte delle diverse sfaccettature della iconografia in un mix quasi vertiginoso. La sua composizione a scomparti richiama alla mente la complessità del capolavoro del 1550 "Icona della Chiesa militante", che commemora l'assalto a Kazan e l'avanzata della Russia in Siberia. Tuttavia, senza la pressione imposta da Ivan il Terribile sugli artisti per celebrare la grandezza della Russia e la gloria di Dio, Shorokhova-Gayun è in grado di indulgere in una fantasia secolare di Orientalia che evoca i "Racconti dei cavalieri arabi". Altre opere a olio e tecnica mista su tela di Shorokhova-Gayun esplorano le possibilità della vena folcloristica, con singole figure di animali mitologici, come "Unicorn", "Syrin Bird" e "Grif", dipinti in pochi rossi, arancioni , e sfumature di blu alla maniera audace degli stendardi araldici. L'artista trae la sua ispirazione per queste opere da un interesse infantile per "aquile bicipite, stemmi, composizioni ornamentali" e altri elementi emblematici delle prime esperienze di lettura. Il suo amore per gli animali, in particolare i cani, che alleva nel proprio allevamento, gioca anche nella scelta dei soggetti, che nonostante tutta la fantasia è sempre intimamente legata alla sua vita quotidiana di moscovita contemporanea. Un altro dipinto di Shorokhova-Gayun chiamato "Violinista" combina la complessità bizantina con le forme geometriche dai colori vivaci che ricordano i costruttivisti russi. Anche qui, la sagoma semiastratta del musicista, riempita di vacillanti rombi rossi e neri di varie dimensioni e incastonata su una griglia di quadrati a scacchiera rossi, neri, dorati e bianchi leggermente trasversali, suggerisce gli schemi frenetici delle note in un vigoroso assolo di violino. Forme più organiche, simili agli arabeschi in stile art nouveau, scorrono e vorticano sulla superficie del "Dittico del maestro e Margherita" di Shorokhova-Gayun. L'artista interpreta in termini astratti il romanzo classico moderno di Mikhail Bulgakov su una visita del diavolo nell'Unione Sovietica ferventemente atea. La sua tavolozza è composta da sfumature di giallo senape intenso, blu, verde e marrone chiaro leggermente armonizzate. Le forme biomorfiche più sensuali –– alcune suggeriscono una vegetazione verdeggiante; altri, onde blu ornate dopo Hokusai –– sono contrapposte e fondate su una disposizione più schematica di aree geometriche di colore che ancorano saldamente la loro vivacità ritmica. Così sposa la decorazione bidimensionale bidimensionale con il piano pittorico modernista nel suo modo unico. L'influenza di arazzi russi, vetrate, sculture in pietra e lavori in metallo si aggiungono anche alla ricchezza espressiva in altre opere di Elena Shorokhova-Gayun, una pittrice che contribuisce notevolmente al patrimonio nazionale che venera. –– Maureen Flynn Elena Shorokhova, Agora Gallery 530 West 25th St., 23 luglio - 13 agosto 2013 Ricevimento: giovedì 25 luglio, dalle 18 alle 20.

Leggi altre recensioni