Sole notturno, Fotografia 30 x 40

L'artista della foto digitale Peter Watson dipinge con la luce

Con un piccolo aiuto dall'immaginazione degli spettatori, l'allusione dell'arte astratta può assumere una svolta uditiva oltre che visiva. Uno dei primi esempi è come il pionieristico modernista americano Arthur Dove abbia combinato magicamente forme e colori nel suo dipinto "Fog Horns" per evocare i lamenti lugubri che lo perseguitavano nelle notti di nebbia nello yawl in cui viveva e dipingeva al largo di Long Island Suono. Un altro esempio più recente è "Patchinko Sound", un'opera in Duratrans/Acrylic dell'artista di fotografia digitale di origine australiana Pietro Watson. Perché in questa composizione luminosa, con i suoi vortici di punti luminosi rossi, gialli e verdi su uno sfondo nero, Watson riesce non solo a suggerire il suono delle palline di metallo che sbattono in uno di quei giochi d'azzardo giapponesi, a metà strada tra una slot machine e un flipper, ma anche la sfolgorante atmosfera al neon del quartiere Ginza di Tokyo, dove si trovano molti dei salotti di patchinko. "La luce è il materiale perfetto per l'astrazione: puoi spostarla e dipingere con essa", afferma Watson, un sentimento con cui molto probabilmente Don Flavin e altri artisti che usano neon e tubi fluorescenti sarebbero d'accordo. E per esplorare le sue possibilità al massimo dell'effetto, alcuni dei pezzi più grandi di Watson sono esposti in scatole luminose, che non solo ne esaltano l'intensità cromatica, ma conferiscono loro una sostanziale presenza scultorea. Uno di questi pezzi lightbox, il "Kiss" da 48 x 72 pollici, è una composizione audace in rosa rossetto brillante, arance Day-Glo, blu vibranti e sfumature di viola afoso. Il calore puro di tali colori crea una sensazione ottica sensuale, informata dagli anni di esperienza di Watson nel lavoro con la teoria del colore nei laboratori del colore e dai suoi viaggi diffusi in vari contesti urbani. Proprio come gli impressionisti trovarono ispirazione dalla luce del sole e dal chiaroscuro naturale che proietta sul fogliame e su altri aspetti del paesaggio, Watson si ispira alla luce artificiale con cui l'umanità contemporanea illumina quegli alveari che chiamiamo città. "Dedico molto tempo e ricerca alla posizione, all'argomento e all'esecuzione delle mie fotografie", afferma. "Il colore e la luce influenzano le mie sensazioni dell'ambiente in cui mi trovo." Questi luoghi hanno spesso un'atmosfera e un carattere molto specifici, come si vede in un altro grande pezzo lightbox che Watson chiama "Shimbashi Glow". Shimbashi, che si traduce in inglese come "nuovo ponte", è una sezione di Tokyo comoda per le stazioni ferroviarie e della metropolitana, dove i "salarymen" impiegatizi e i loro compagni vanno a rilassarsi dopo il lavoro in un parco giochi notturno noto per bar e ristoranti scarsamente illuminati, così come il suo vivace quartiere a luci rosse. Tutto questo è evocato attraverso le sottili forme fluttuanti simili a fumo, che suggeriscono figure fantasma e i piaceri leggermente illeciti alimentati dall'alcol che Watson evoca in "Shimbashi Glow". Qui, questo dinamico artista informatico contemporaneo ci offre una nuova interpretazione dell'oscuro "mondo fluttuante" (cioè "mondo del gioco e dell'intrattenimento") così spesso raffigurato nelle stampe Ukiyo-e di quei secoli fa, quando Tokyo era ancora chiamata Edo. Al contrario, un altro suggestivo lightbox, “Lightfall”, suggerisce il lato più operoso della città, con le sue forme verticali blu che richiamano visioni delle facciate in vetro di svettanti grattacieli, mentre ritmiche onde arcobaleno di colore cangiante nella parte inferiore della composizione creare la sensazione di una vera e propria onda cromatica. –– Marie R. Pagano Peter Watson, Galleria Agora, 530 W. 25th St. 10 giugno - 1 luglio 2014. Ricevimento: giovedì 12 giugno, 18:00 - 20:00

Leggi altre recensioni