Bambù, dipinti, 12 x 16,5

L'universo lineare lirico di Fred Mou

La linea è l'essenza della forma e un delineatore del carattere, secondo gli artisti nei paesi asiatici dove la calligrafia è considerata una forma d'arte alla pari della pittura e dove i suoi massimi esponenti generalmente superano la maestria lineare dei nostri migliori artisti occidentali. Fred Mou, architetto svizzero diventato artista formatosi all'Istituto di Architettura di Ginevra, che ha iniziato la sua carriera alla Scuola di Belle Arti di Parigi, è l'eccezione alla regola. Mou è un pittore le cui opere in acrilico su carta sono costituite principalmente da linee colorate, piuttosto che aree di colore alla consueta maniera occidentale. Le linee danzano e turbinano sulla bianca distesa della carta con una grazia insolitamente bella nel suo senso sinuoso del movimento. Tra gli artisti americani contemporanei solo la serie “Cold Mountain” di Brice Marden, influenzata dalla calligrafia cinese, sembra paragonabile. Ma mentre gli oli su tela di Marden partecipano alla scala aggressiva dell'espressionismo astratto, i formati relativamente modesti di Mou conferiscono alle sue opere un'intimità e una delicatezza poetica che le collocano in una categoria tutta loro. Tale intimità è particolarmente rinfrescante e qualcosa di cui fare tesoro in un mondo dell'arte in cui molte opere sono ingombranti e esagerate, a causa dell'idea che le dimensioni equivalgono al significato. Al contrario Mou, come il precedente intimista Paul Klee, dimostra il vecchio adagio che "meno può essere di più" –– soprattutto perché l'ariosa apertura del suo stile suggerisce un'ampiezza molto maggiore delle dimensioni effettive dei suoi dipinti. Mou ha sviluppato un vocabolario personale di forme lineari, che vanno da vortici corsivi e arabeschi sensuali a forme geometriche e forme biomorfiche che sembrano derivare da fonti naturali, spesso botaniche. Queste fonti sono esplicitate in modo più esplicito nella composizione particolarmente aggraziata intitolata "Bamboo". Caratteristicamente, tuttavia, questo dipinto acrilico su carta, con le sue linee verdi danzanti e le forme circolari rosa, è difficilmente naturalistico o formulato alla maniera della pittura tradizionale orientale, in cui il bambù è un genere consacrato dal tempo. Piuttosto, Mou fornisce la propria interpretazione fantasiosa del soggetto in una composizione essenzialmente astratta. In un'altra composizione chiamata “Connexions” –– questa in blu e rosso –– entrano in gioco forme lineari più nitide e frastagliate, che ricordano le cime scoscese delle montagne. E in "Flying Metal", la composizione è animata da forme sgargianti ma dai bordi taglienti che proiettano un senso di movimento quasi antiquato. Fred Mou è un artista insolito per la sua capacità unica di creare una notevole eccitazione con un vocabolario formale gravemente limitato. Tuttavia, l'austerità del suo approccio funziona meravigliosamente a suo favore, infondendo nel suo lavoro una combinazione di forza, grazia e precisione diversa da qualsiasi altra cosa che viene immediatamente in mente. Alcune delle sue composizioni evocano forme floreali, mentre altre suggeriscono paesaggi fantastici o città futuristiche che possono esistere solo nei sogni di un ex architetto come lui. Tutti sono in possesso di una magia particolare, a volte fantasiosa, spesso misteriosa. Invitano lo spettatore in un affascinante mondo privato, ermetico e rarefatto. A differenza di tanta arte oggi, non vedono il bisogno di urlare: "Guardami!" A volte, come mostrano queste opere, i sussurri possono essere più seducenti delle urla. In ogni caso, i dipinti di Fred Mou sono una rinfrescante ripresa degli aspetti più roboanti del mondo dell'arte di oggi. E si ha la netta impressione che saranno in circolazione molto tempo dopo che i talenti più appariscenti saranno stati dimenticati. –– scritto da Maurice Taplinger

Leggi altre recensioni