Daydream Street, Dipinti, 48 x 32

I dipinti di Lydia van den Berg filtrano la meraviglia innocente attraverso una visione sofisticata

Sebbene l'artista di origine bulgara Lydia van den Berg, che ora vive e lavora da qualche parte nelle vicinanze di Zurigo, in Svizzera, classifica il suo stile pittorico come "realismo poetico magico", non sarebbe inesatto aggiungere un'altra parola descrittiva a quella designazione: "Visionario". Perché l'immaginazione gioca un ruolo molto importante nel modo in cui van den Berg trasforma i soggetti con i piedi per terra e i paesaggi urbani che raffigurano la vita di tutti i giorni in visioni quasi ultraterrene, fantasiose e misteriose allo stesso tempo. Tale è il fascino immediato e la qualità ottimistica dell'atmosfera nei dipinti di van den Berg che un occhio inesperto potrebbe inizialmente scambiarli per dipinti "folk" o "naif". Tuttavia, è arrivata alla sua iconografia attraverso un lungo periodo di sperimentazione con una varietà di mezzi, tra cui olio su tela, cartapesta, acquerelli ed encausto, oltre ad aver lavorato attraverso diverse modalità espressive. Tra gli artisti contemporanei, il suo lavoro sembra più vicino per il suo spirito gioioso e la sua innata raffinatezza e i suoi brillanti nastri di colore a quello del pittore e architetto d'avanguardia austriaco Fritz Hendertwasser, che una volta disse che lo scopo ultimo dei suoi dipinti era quello di " introdurre l'osservatore in una nuova vita di pace e felicità. In effetti, le dimore fantasiose di alcuni dipinti di van den Berg, con le loro strutture barocche ei contorni fluidi, sono in qualche modo simili alle strutture organiche che Hundertwasser progettò a Vienna come alternativa alle linee sterili e disumanizzanti di molta architettura moderna. Van den Berg, tuttavia, supera persino quella famosa austriaca nell'arguzia fantasiosa della sua deliziosa stampa giclée in edizione limitata "Post Boat", in cui pesci e insetti dai motivi intricati portano reti di lettere a una fantastica combinazione di vela e battello a vapore che galleggia su onde blu onde sinuose . Né nessun altro visionario contemporaneo il cui nome viene immediatamente in mente si è avvicinato all'animazione buffa che van der Berg realizza nel suo acrilico su carta "Daydream Street", con la sua vertiginosa serie di strade sinuose che corrono come una folle mappa della metropolitana tra più file di case dalle forme strane e alberi stilizzati in una serie arcobaleno di sfumature squisite come un sorbetto. L'architettura assume spesso una sensualità antropomorfa nel suo lavoro, come si vede nell'acrilico su carta intitolato semplicemente "Luce", dove le case color kandy sovrapposte con campanili decorati appaiono in procinto di sciogliersi come coppe gelato nel calore di un grande sole arancione che cavalca alto in un cielo cosparso di spruzzi di stelle mattutine. Al contrario, in "No Boundaries", il dipinto che dà il titolo alla sua mostra, i campanili appuntiti, incastonati su uno sfondo scuro notturno, convergono da tutte le direzioni come lance. Poi ci sono "The Secret", una composizione notevolmente più astratta, composta da aree fluide di colori caldi che ricordano i pittori dello "Spazio indiano" degli anni '40, così come una nuova serie un po' anomala intitolata "Reflections", con una parte centrale più lineare forme con una misteriosa presenza emblematica in bilico su sfondi neri profondi. Tutti sono ugualmente avvincenti, data la capacità di Lydia van den Berg di generare una gamma apparentemente inesauribile di immagini che irradia piacere, rendendo la sua gioia per la creazione contagiosa per lo spettatore. Incontrando i suoi dipinti, viene in mente la famosa affermazione di Picasso secondo cui ci vuole un'intera vita per imparare a dipingere liberamente come un bambino. –– Maurice Taplinger

Leggi altre recensioni