Profondo, dipinti 39 x 22

Mairi Budreau rivolge lo sguardo femminile sul corpo maschile nudo

Lo sguardo maschile era il termine con cui gli storici dell'arte hanno caratterizzato il modo in cui gli artisti maschi hanno oggettivato i modelli femminili nel corso dei secoli. È stato un provocatorio atto di inversione di tendenza quando Sylvia Sleigh ha iniziato a dipingere nudi maschili al culmine del movimento femminista negli anni '70. L'olio su tela in scala murale di Sleigh "Il bagno turco, 1976", include persino i tappeti turchi decorati e gli arazzi del tipo che erano spesso presenti nelle scene dell'harem –– o “odalische”–– degli artisti maschi del XIX e XX secolo . Il pittore canadese Mairi Budreau, tuttavia, che appartiene a una generazione successiva che dà per scontata la sua liberazione, adotta un approccio più intimo e affettuoso al corpo maschile nudo. I suoi dipinti realistici rivaleggiano con quelli del compianto fotografo gay Robert Mapplethorpe per la loro sfacciata sensualità. (In effetti, con l'avvento della liberazione gay, lo sguardo maschile è stato spesso concentrato sul corpo maschile negli ultimi decenni.) A differenza di Sylvia Sleigh, i cui nudi maschili spesso adottavano i simboli del classicismo e della mitologia, proprio come facevano gli artisti maschi nei loro nudi femminili per evitare l'impressione di lascivia, Budreau non trova scuse timide per le sue figure nude. Il suo fotorealismo non suggerisce miti, ma il mondo reale di oggi. "Scatto foto mirando alla gestalt, questo è il punto di partenza per iniziare un dipinto", dice. “Non formalmente formato, riconosco un approccio accademico. La mia sensibilità risponde più spesso agli elementi sensuali. Esploro la ritrattistica e l'anatomia principalmente attraverso la figura maschile, gli uomini-paesaggi, alla ricerca dell'anima". La parentela di Budreau con il già citato Mapplethorpe viene in mente più specificamente in due oli su tela di un muscoloso uomo di colore con la testa rasata. Una differenza importante, tuttavia, è che mentre Mapplethorpe (come molti fotografi che evitano le possibilità coloristiche e la manipolazione delle immagini dell'era digitale per il "purismo" degli innovatori modernisti dei media) ha lavorato esclusivamente in bianco e nero, il colore è un elemento espressivo importante nei dipinti di Budreau. In una tela, il cui titolo "Man Ray" fa riferimento spiritoso a un precedente predecessore fotografico, il modello nero è ambientato su uno sfondo arancione che si armonizza con le calde tonalità marroni della sua carne. È dipinto da dietro, dalla testa alla metà del busto, i bicipiti da sollevatore di pesi tesi su entrambi i lati del corpo. Ma il vero centro dell'immagine è la schiena dell'uomo, con i suoi imponenti rigonfiamenti e fessure, offrendo all'artista l'opportunità di far sì che le loro aree di luce e ombra evochino una massa montuosa senza discostarsi dal suo meticoloso modo di fotorealismo. Apparentemente, lo stesso modello è oggetto di un altro olio, intitolato "Deep", un titolo che rivela anche l'arguzia dell'artista, poiché è posto come "Il pensatore" di Rodin. Da questa illuminante mostra personale si può dedurre che, a parte un dipinto che rivela solo uno scorcio parziale del pene della modella dai capelli lunghi, lo sguardo femminile non è fissato genitalmente come lo sguardo maschile. Eppure una sensualità più sottile, si potrebbe dire più olistica, è implicita in una vista ravvicinata di un capezzolo maschile, chiamato espressamente "Sensitive" e "Back II", un'altra composizione gravemente ritagliata in cui una schiena maschile culmina nella curva androgina di glutei superiori ben fatti. –– Byron Coleman Mairi Budreau, Agora Gallery 530 West 25th Street, 4 – 24 ottobre 2013 Ricevimento: giovedì 10 ottobre, 18:00 – 20:00

Leggi altre recensioni