Michael Gemmell: Un pittore delle paludi e della terra irlandese

Scritto da: Peter Wiley

Incontrando l'opera dell'artista irlandese Michael Gemmell, viene in mente una poesia del suo famoso connazionale Seamus Heaney intitolata "Exposure" che inizia: "È dicembre a Wicklow: / Ontani che gocciolano, betulle / Ereditando l'ultima luce, / il frassino freddo da guardare."

Perché Gemmell vive e lavora a Wicklow e i suoi dipinti guardano alla terra con una bellezza altrettanto desolata e spietata, a giudicare da quelli in mostra all'Agora Gallery, 530 West 25th Street, dal 3 al 24 giugno. (Ricevimento: giovedì 5 giugno , dalle 18:00 alle 20:00.)

Scuro, scuro è la tavolozza di Gemmell, data a marroni invernali terrosi, poco verdi, alcuni blu e bianchi con l'aspetto di neve vecchia, gelida e ombreggiata. E quando ci sono i rossi anche loro sono scuri, profondi, come il sangue degli animali sulla terra o sulla neve. È come se il paesaggio stesso fosse stato trasmogrificato da un linguaggio astratto tutto proprio di Gemmell, proprio come Heaney lo fa suo nelle sue poesie. È un luogo ombreggiato dalla memoria e da lunatiche meditazioni, dotato di un clima psicologico forse anche più prevalente del tempo, come si vede nell'olio su lino di Gemmell "The Wicklow Way", dove la grande forma squadrata bianca e marrone occupa il centro di la tela come un pugno chiuso.

"I miei dipinti sono dall'alto e dal basso che si collegano con la tela e dipingono usando la mente e la memoria", afferma Gemmell. "Ho esplorato le paludi, il Burren e le isole nella maggior parte del mio lavoro, cosa che mi intriga poiché i cambiamenti avvengono solo nel momento di un pensiero alla volta, portando una sensazione quasi antica di tempo e bellezza".

Si noti che Gemmell non smette mai di pensare al paesaggio come qualcosa di interiorizzato "dall'alto e dal basso" piuttosto che come qualcosa che delinea schematicamente la disposizione del terreno. Il suo processo sembra essere quello di scavare e scavare nelle essenze terrose, come quando Heaney paragona il lavoro con la penna al modo in cui suo padre affonda una vanga "nel terreno ghiaioso".

Così si osservano i suoi dipinti da un'angolazione diversa rispetto alla maggior parte dei paesaggi, li abita, in realtà, come un luogo in cui la realtà è costituita da colori tenui e forme forti. I dipinti a strisce di Sean Scully hanno un aspetto simile alle intemperie, una sorta di atmosfera visiva leggermente macchiata che suggerisce una parentela tra i due pittori. Ma Gemmell è anche preso dalla varietà grezza della forma, così come dal clima freddo del colore. Le forme nei suoi dipinti recano molte allusioni sommerse, "sguardi scivolosi" per usare il famoso termine di de Koonings di cose che non vengono mai messe a fuoco in modo specifico ma rimuginano a blocchi con l'enorme peso oscuro dell'imminenza in composizioni come "L'isola d'inverno", "Rinascita di un campo" e "Sognatore di sogni".

Di nuovo si pensa a Heaney; ora della sua poesia "Bogland", con i suoi "tronchi di grandi abeti impregnati d'acqua" e "lo scheletro del Great Irish Elk" estratto dalla torba e sistemato come "Una stupefacente cassa piena d'aria". Incontrando i dipinti di Michael Gemmell, le loro forme gravide di simili misteri, i loro colori tinti dalla sporcizia senza tempo delle cose scavate, è chiaro cosa intende l'artista quando dice: "Il mio lavoro parla da sé e sento che si regge da solo , poiché ho impiegato molti anni e ho pensato a ogni dipinto."

Crediti immagine: L'ultimo a lasciare, olio su lino, 36" x 36"

Leggi altre recensioni