Nina Ozbey: astrazione postmoderna informata da un senso del passato

Scritto da: Wilson Wong

A parte eccezioni degne di nota come Joan Mitchell e Grace Hartigan, poche artiste furono ammesse nel club per ragazzi che era il nucleo della New York School del movimento espressionista astratto al suo inizio alla fine degli anni Quaranta e all'inizio degli anni Cinquanta. Non che le degne artiste non fossero abbondanti; è solo che la misoginia era tale tra gli artisti maschi negli anni del dopoguerra che furono praticamente ignorati, tranne che come mogli e fidanzate a meno che, come nel caso di Mitchell e Hartigan, la loro padronanza del presunto dominio maschile della cosiddetta "azione pittura" li rendeva impossibili da respingere.

Non c'è dubbio, tuttavia, che se la pittrice di Oklahoma City Nina Ozbey, che ora vive e lavora a Earlysville, in Virginia, fosse stata sulla scena a New York City in quel momento, anche il suo lavoro avrebbe superato l'esame. O almeno questa è l'impressione che si ottiene dall'anteprima del lavoro che Ozbey esporrà all'Agora Gallery 530 West 25th Street, dal 22 luglio al 12 agosto. (Ricevimento: giovedì 24 luglio, dalle 18:00 alle 20:00.)

Si può solo ipotizzare che l'autenticità dello stile di Ozbey abbia a che fare con il fatto che, invece di limitarsi a imitare i manierismi di quei primi pittori della New York School, come molti altri hanno fatto da allora, Ozbey ha seguito l'intera strada, evolvendosi in modo simile agli artisti il cui lavoro emula, sviluppa e si estende fino all'era postmoderna. Perché ha iniziato come pittrice di nature morte e paesaggi ad acquerello, prima di passare agli oli, eliminare i soggetti e assumere la sua attuale modalità gestuale. E come molti dei migliori espressionisti astratti, sebbene abbia rinunciato alla materia, ha mantenuto l'allusione che presta le sue forme, adagiate con una marea di pennellate taglienti di colore che stratifica e porta a un vigoroso crescendo gestuale, un senso di vita e movimento.

In tele come "Royal Flush", "Tracks of Time" e "Over the Ridge", ad esempio, Ozbey investe le sue composizioni con il senso dei fenomeni naturali e di ciò che il pittore e critico di New York Fairfield Porter una volta definì "l'immediatezza di esperienza". Sebbene, come indicano i loro titoli, tali dipinti non risiedano nei dettagli, sembrano legati a emozioni ed eventi e sembrano abitati da presenze fantasma, più o meno allo stesso modo dei dipinti di artisti della New York School di seconda generazione come Robert Goodnough e Alfred Leslie.

Come la brava astrattista che è, Ozbey parla principalmente in termini di forma e gesto, dicendo: "Lasciando andare il soggetto e passando all'olio, il processo di pittura è diventato più piacevole. Mi piace fare segni. Questi segni creano relazioni spaziali in virtù del loro colore, peso, consistenza e valore. Il mio lavoro è intuitivo; inizia con un tratto di pennello, conduce a un altro e a un altro. Voglio l'opportunità di esplorare dove mi porta il dipinto piuttosto che dove lo porto il dipinto."

L'energia cruda e romantica insita nei suoi tratti muscolari, che suggeriscono vestigia della natura e dell'anatomia umana, alludendo a un rapporto allo stesso tempo riverente e turbolento con la grande arte del passato, fa sembrare Nina Ozbey una legittima erede del movimento rivoluzionario che per primo ha portato l'America pittura sulla mappa

Crediti immagine: Scala reale, olio su tela, 40" x 30"

Leggi altre recensioni