Cottonwood Church, Fotografia 28,5 x 19

L'occhio nudo della purista fotografica Nadine Levin

Si pensa prima ad Andrew Wyeth, vedendo di Nadine Levin Stampa giclée su tela "Cottonwood Church". Ciò che ti cattura è la semplicità gotica americana impassibile di questa immagine di una struttura coloniale in legno stagionata, in piedi lungo una desolata strada di campagna, accanto a un albero nodoso, i suoi arti neri e nudi che graffiano come dita artritiche un cielo bianco e nudo. È un'immagine la cui bellezza sta nella sua assoluta severità. Altrettanto memorabile è "Forgotten" di Levin, in cui un vecchio fienile e un montacarichi stanno fianco a fianco come due generazioni di mezzadri su una pianura piatta e polverosa che sembra definire il termine "terra bruciata". La crudeltà spietata di queste immagini si rifà a Walker Evens e ad altri puristi della fotografia. In effetti, Levin evita tutti gli effetti speciali, l'abbagliamento cromatico, la manipolazione visiva della rivoluzione digitale e altre forme di manipolazione dell'immagine. Basandosi sui filtri della luce e sulla sola luce, afferma: "Cerco di catturare immagini semplici della vita quotidiana che così spesso trascuriamo e le presentiamo come arte". In Occidente, l'avventurosa artista –– che ha amato la fotografia fin dall'infanzia, ma si è dedicata ad essa con più entusiasmo dopo essere sopravvissuta a un aneurisma cerebrale pericoloso per la vita, spesso insegue le immagini a cavallo. Impiega anche la fotografia a infrarossi per richiamare le frequenze della luce al di sotto dello spettro visibile e impregnare alcune immagini con una fosforescenza rarefatta. "La mia ispirazione è la natura", dice Levin. "Essere in grado di fotografare la natura in una forma alterata esclusivamente attraverso l'uso della luce infrarossa, mi permette di essere fedele al mio amore per la fotografia tradizionale e tuttavia presentarlo in un modo più contemporaneo e stimolante". Uno degli esempi più lirici della tecnica a infrarossi può essere visto in "Twinkling", un primo piano di foglie cosparse di gemme che brillano e brillano come stelle. Altri sono "Nice Curves", in cui una forma vegetale trasuda una sensualità simile a quella di Robert Mapplethorpe, e "Aging Gracefully 2", in cui si estendono gli arti e le delicate foglie rosa di un magnifico albero secolare, come se abbracciassero l'intero paesaggio circostante . Questa radiosità rarefatta ravviva anche "Clouds Over Paradise", in cui cumulonembi accatastati in alto riempiono un cielo enorme sopra una palma solitaria nell'angolo in basso a destra della composizione. I suoi rami frondosi sono in perfetta armonia visiva con le morbide forme delle nuvole sopra. Ancora un'altra magnifica formazione di nubi di dimensioni più lunghe e piatte si apre a ventaglio su una fila di alberi lungo la linea dell'orizzonte più alta di un'altra stampa panoramica che Levin chiama "Movin' Along". In contrasto con i suoi ampi panorami, catturare primi piani di piante su sfondi scuri o chiari contrastanti è un'altra area della fotografia naturalistica in cui Levin eccelle, come si vede nelle composizioni che ha intitolato "Umbrella Plant 1", "Outstretched Hands ” e “Reach Out”. Mentre il primo avvolge lo spettatore in graziose foglie che si aprono a ventaglio attorno a uno stelo centrale, nelle ultime due immagini, le lunghe, snelle fronde dai toni chiari si estendono orizzontalmente, come se cercassero di cogliere l'oscurità circostante. "Ogni momento che passa è un momento che non tornerà mai più", afferma Nadine Levin, originaria di Washington DC, che ora risiede a Poolesville, nel Maryland. "Alcune delle immagini associate a quei momenti meritano di essere conservate per sempre." –– Thomas Rafferty Nadine Levin, Agora Gallery, 530 West 25th Street, 16 maggio - 5 giugno 2014. Ricevimento: giovedì 22 maggio, dalle 18:00 alle 20:00

Leggi altre recensioni