Tre donne Turkana, dipinti 36 x 48

Alla scoperta dei ritratti africani di Gaby Hahn

Gaby Hahn, artista originario della Germania, trascorre parte dell'anno in Africa, dipingendo le popolazioni del Kenya settentrionale e dell'Etiopia meridionale. Arrivata alla pittura in tarda età, dipinge in uno studio che a volte funge da scuola per bambini africani che ha fondato come parte della sua missione di vita. I suoi oli catturano il senso di facile intimità che ha sviluppato con le persone in questo continente, in particolare i suoi ritratti faccia a faccia come "Donna Turkana che trasporta sacchi di farina", in cui la giovane donna, il collo allungato da un ornato una collana tribale gialla che sembra aggiungere almeno un piede alla sua altezza, tiene in equilibrio due pesanti sacchi di grano, uno sopra l'altro, sulla sua testa. Tuttavia, guarda placidamente lo spettatore, come se fosse totalmente alleggerita, a casa con se stessa e la sua sorte nell'unica vita che conosce. Il carico è più leggero per "Turkana Girl With Fish", in cui il soggetto è visto di profilo con un solo pesce in cima alla sua testa. Anche lei ha un collo allungato allungato da un ornato disegno tribale rosso e giallo e l'angolazione da cui l'artista la dipinge consente allo spettatore di contemplare la sua acconciatura interessante, con la testa per lo più rasata, ma per una specie di coda di cavallo nella parte posteriore e frangia nella parte anteriore. Come il modello precedente, ha un'espressione serena sul viso che contrasta nettamente con l'ansia che si vede nei volti di tanti abitanti delle città moderne, facendo pensare che potrebbero esserci dei benefici nelle condizioni di vita severe ma semplici di questi tribali le persone. Si vede questa apparente facilità di essere anche nei gruppi di figure di Hahn. In "Three Turkana Women", i soggetti in piedi in un campo mostrano i colori brillanti e i motivi elaborati dei loro abiti lunghi e aggraziati, la cui eleganza non sembrerebbe affatto fuori luogo su una passerella di alta moda a Parigi o New York. Tuttavia, le due donne che Hahn ritrae al lavoro, chine in un campo come le famose “Gleaners” di Millet, in un altro dipinto intitolato “Due donne turchene che tagliano Lucerna” indossano abiti più semplici, se non meno gradevoli alla vista. Anche qui l'artista lascia intravedere la bellezza espansiva del paese, con l'erba alta in primo piano dove le donne faticano lasciando il posto a un campo giallo e montagne verdeggianti. Insieme ad altri dipinti di indigeni che svolgono le loro attività quotidiane, Gaby Hahn ci offre immagini di soggetti animali, come si vede in "Elefante II", in cui un grande pachiderma e la sua piccola progenie sono visti da dietro, passeggiando lungo insieme allo stato brado in un modo ordinato come in una parata circense. Ma qui nel loro ambiente naturale proiettano una dignità e una parentela più calma di quanto non facciano mai tali creature in cattività. Lo stesso si può dire di "Elefante III", in cui un grande animale riempie l'intera tela, posto frontalmente –– se quella parola può essere applicata a una creatura di tali dimensioni, catturata in movimento, la sua grande zanna dall'aspetto letale puntata dritta avanti! Qui, la spessa pelle grigia dell'animale è raffigurata con amorevoli dettagli dall'artista, tutte le sue rughe, i toni e le trame delineate con precisione, insieme alla trama dell'erba alta sotto i suoi enormi piedi. Anche qui i grigi splendidamente modulati della pelle, in concerto con le piccole aree di un profondo blu notturno che rimangono visibili al di là della grande mole massiccia dell'animale, dimostrano la capacità di Gaby Hahn di catturare e mantenere l'attenzione con una tavolozza di tonalità meno brillante di quelle che animano i suoi percettivi ritratti umani. –– Byron Coleman Gaby Hahn, Agora Gallery, 530 West 25th St., fino al 16 aprile 2013. Ricevimento: giovedì 4 aprile, dalle 18 alle 20.

Leggi altre recensioni