Alla scoperta dell'espressionismo emotivo di Efrain Cruz

Scritto da: Maurice Taplinger

Nato a Veracruz in Messico, ora vive e lavora a Valdosta, in Georgia, Efrain Cruz è un "naturale", a giudicare dal lavoro in mostra in "The Allegory of Form", presso Agora Gallery, 530 West 25th Street dal 5 al 26 febbraio. (Ricevimento: giovedì 7 febbraio, dalle 18:00 alle 20:00.)
Per il lavoro di Cruz, la maggior parte dei quali si concentra su figure e ritratti, immaginari o basati su individui specifici, è piacevolmente inconsapevole e la sua visione dell'espressionismo è sfacciatamente emotivo. Sebbene sia un populista che dice "Dipingo della mia gente" e si possa discernere l'influenza di Orozco e di altri muralisti messicani nelle sue forme audaci e nei suoi colori infuocati, il suo approccio è personale piuttosto che politico. Invece di abbandonarsi alla teoria così diffusa tra gli altri pittori della sua generazione, Cruz afferma semplicemente: "Credo che la vita sia bella e che le possibilità di colore siano sorprendenti. Mi piace usare il viola intenso, il giallo raggio di sole e forti sfumature di blu, verde e rosso per rendere le immagini attive e sensuali."

Eppure, nonostante tutta la sua franchezza, i suoi oli su tela mostrano un'innata raffinatezza che si manifesta in modo impressionante nella fluidità delle sue forme. Nella composizione che chiama "Juntos", ad esempio, due facce confluiscono insieme come se fossero un'unica entità e si dissolvono alle spalle in vorticosi nastri arcobaleno che conferiscono alla composizione una notevole integrità astratta. Vale a dire, mentre i tratti distintivi dei soggetti suggeriscono individui specifici, la composizione nel suo insieme trasmette una preoccupazione per i valori plastici che trascende la ritrattistica convenzionale.

Oltre a trasmettere l'emozione cromaticamente, attraverso scelte di colore generalmente intense, Cruz altera la sua posizione formale da un'immagine all'altra per catturare i particolari della personalità attraverso mezzi formali piuttosto che aneddotici. In "Maria", ad esempio, un volto santo è avvolto da aure luminose simili ad aureole simili alle vetrate o alle sfumature dei dipinti religiosi di Rouault. Al contrario, in "Pedro Navaja", un personaggio un po' meno spirituale che sfoggia un cappello floscio ad angolo sbarazzino viene catturato in aree di colori luminosi al neon e piani nitidi che ricordano più Ernst Ludwig Kirchner.

Abbastanza appropriatamente, tra le composizioni più ritmiche di Cruz c'è "El Musico", dove aree ondulate di tonalità blu, gialle e arancioni turbinano attorno alla figura centrale di un musicista che suona un violino basso, mentre forme frastagliate influenzate dalla scultura africana e, a loro volta , Picasso, dominano il forte ritratto di testa chiamato "Cesar".

La capacità di Efrain Cruz di avvalersi di tutte le ricchezze culturali della storia dell'arte e di trasformarle per i propri scopi ricorda il compianto Jean-Michel Basquiat. Cruz, tuttavia, è un artista non tanto colpito dagli eroi estetici quanto da come il proprio dono può essere applicato alla celebrazione dei suoi amici e della sua famiglia, di cui parla con entusiasmo, come quando dice: "L'immagine interiore di mia madre ha dato un grande mi ha insegnato a essere forte, saggia e grata per ogni giorno della mia vita. Le molte lotte che ha attraversato hanno reso i suoi occhi tristi, ma il suo sorriso rimane luminoso e felice.

Conciliare tali contraddizioni sembrerebbe essere la missione artistica di questo giovane pittore appassionato e del tutto coinvolgente.

Crediti immagine: Mujer de Padro Navaja - Olio su tela 60" x 48"

Leggi altre recensioni