Telo mare, Quadri 60 x 72

Sudnya Shroff e il linguaggio silenzioso del sentimento puro

L'India è recentemente emersa come uno dei principali attori sulla mappa dell'arte mondiale, con maestri indiani moderni come FN Souza e MF Husain che comandano i prezzi migliori nel circuito delle aste internazionali. Qualcosa dei loro colori vivaci e del loro buon umore può essere visto nei dipinti di Sudnya Shroff, cittadino americano di recente naturalizzazione (2006), nato a Pune, in India, ma che ora vive e lavora a Los Altos e San Francisco, in California. Dopo aver sperimentato liberamente con vari mezzi e tecniche, inclusi pennelli, spatole e altri strumenti, Shroff ha scoperto di esprimersi al meglio manipolando la pittura acrilica su tela a mani nude. A differenza dei pigmenti artistici standard, il suo mezzo preferito è la pittura murale acrilica Sherwin Williams e quello che lei chiama "movimento fisico controllato della tela" per produrre determinati effetti. A questo proposito sembra una discendente spirituale di Jackson Pollock, che spesso prediligeva anche le pitture per la casa rispetto ai materiali artistici più usuali, forse per la loro qualità più fluida. Certamente la tecnica letteralmente "pratica" di Shroff produce effetti dinamicamente viscerali che migliorano la drammaticità e la potenza del suo lavoro, conferendo alle sue composizioni un'immediatezza che lei descrive come "istantanee del mio stato emotivo interno nel momento in cui le realizzo". In un mondo dell'arte spesso dominato da metodi deliberatamente artificiosi, potrebbe essere proprio una delle ultime vere “pittori d'azione”, per prendere in prestito il termine che il grande critico d'arte Harold Rosenberg usò per i primi innovatori del movimento dell'Espressionismo Astratto. Sebbene le forme aggressive di Shroff siano irremovibile e piene di convinzione e movimento come quelle di qualsiasi pioniere della New York School, le sue composizioni contengono spesso allusioni a forme naturali, come contorni floreali che scorrono e si gonfiano fino ai bordi della tela in curve aggraziate. In altre opere, come "My Field" e "Renewal", i fiori diventano più specifici senza mai sacrificare l'integrità formale che è alla base di tutte queste composizioni. Le immagini floreali che si estendono su diversi pannelli uniti in "My Field" sono dipinte in tenui ma vibranti rosa pastello, blu e verdi che, sebbene meno aspri, potrebbero quasi ricordare una delle serigrafie Day-glo di Andy Warhol, mentre le immagini più delicatamente steli verdi delineati e fiori gialli incastonati su un sottile fondo blu in "Rinnovamento" mostrano una consumata sensibilità. In effetti, qui lo squisito senso di ripartizione spaziale dell'artista e l'uso del “vuoto” strategico ricorda splendidamente quello della classica pittura cinese a pergamena, sebbene abilmente tradotta nelle convenzioni più fisiche della pittura occidentale. Shroff fa tutto il possibile, sia dal punto di vista cromatico che tattile, in "Surf Boards", un'opera magnificamente sontuosa composta esclusivamente da strisce verticali di colore succoso. Poi c'è "Smitten", un'altra grande tela in rossi, verdi e azzurri leggermente più tenui e lattiginosi. Qui le tenui sfumature sono racchiuse in una composizione in cui la forma centrale fuoriesce dal centro come fuochi d'artificio del 4 luglio o un'enorme esplosione di stami in un fiore. È difficile ricordare in passato un pittore che abbia dato tanta calda risonanza all'emozione dell'infatuazione senza piegarsi all'allegoria sentimentale. Sudnya Shroff è un talento autodidatta meravigliosamente disinibito ma perfettamente disciplinato. Vale a dire: ha ovviamente acquisito una grande esperta conoscenza delle qualità della pittura e di come possono essere sfruttate nel modo più efficace nel lungo apprendistato a cui si è sottoposta, e ora le impiega con perfetto controllo nel suo approccio energeticamente estemporaneo alla composizione visiva. In questo modo condivide i suoi sentimenti più intimi, emozioni con cui ogni persona di raffinata sensibilità dovrebbe potersi identificare. I suoi spettatori saranno ancora più ricchi per questo. –– Maurice Taplinger per Gallery e Studio Sudnya Shroff, Agora Gallery, 530 West 25th St., 15 settembre - 5 ottobre 2012. Ricevimento: giovedì 20 settembre, dalle 18 alle 20.

Leggi altre recensioni