Porta in n.3, dipinti 27,5 x 39,5

L'estetica agile di Wei Xiong abbraccia l'est e l'ovest

La caratteristica estetica che definisce l'opera del pittore cinese Wei Xiong, che divide il suo tempo tra Los Angeles, dove ha lavorato per vent'anni come stilista prima di dedicarsi alla pittura a tempo pieno, e Chengdu, in Cina, dove è nata, è il modo in cui ha fuso perfettamente le sue identità culturali adottive e originali nei suoi dipinti. Ispirata da una potente combinazione di buddismo zen, filosofia cinese e filosofia occidentale, Xiong ha sviluppato una prospettiva pittorica distintiva in opere che adattano gli elementi eterei e l'argomento ispirato alla natura (sebbene astratto, nel suo caso) della tradizionale pittura a inchiostro asiatica su sottilissima carta di riso alla presenza materica della pittura occidentale a olio su tela o lino senza sacrificare i tratti più distintivi di nessuna delle due modalità espressive. Ciò che ha conservato della prima è una certa poesia espressiva e moderazione coloristica, che rafforza con la sostanza materica della seconda in un modo che conferisce alle sue composizioni un sapore unico. Ciò che Xiong ha ovviamente imparato dal suo studio dello Zen è come avvicinarsi alle cose di questo mondo dall'interno, assorbirle ed esserne assorbite, invece di sperimentarle esternamente. È un approccio che si presta in modo del tutto naturale allo stile tranquillo di astrazione lirica che pratica. E così l'atto stesso del dipingere assume l'aspetto di una pratica spirituale. (La pace interiore che l'artista trae dall'adozione di un approccio spirituale, piuttosto che mercenario, sia all'arte che alla vita, si manifesta anche nel suo rifiuto di accettare uno stipendio per il suo ruolo di direttore esecutivo di un museo d'arte contemporanea in Cina.) Mentre il suo omonimo poeta-pittore immortale dell'ottavo secolo Wang Wei ha anche tratto ispirazione dalla meditazione religiosa e dalla comunione con la natura, essendo un'artista tipicamente postmoderna Wei Xiong è più vicino nello stile, se non nello spirito, all'ecritura simile ai graffiti del defunto americano il pittore Cy Twombley. Ciò è particolarmente evidente nella sua serie di oli su tela galleggianti quasi monocromatici "Bring Into", numeri 1, 3 e 4, in cui esplode le idee sia orientali che occidentali di ancoraggio compositivo con forme sospese nell'aria che sono allo stesso tempo galleggianti e graficamente insistente, oltre che ingegnosamente disperso. Linee scarabocchiate in tonalità prevalentemente grigie, variegate con piccoli tocchi di giallo pallido, blu o tonalità rosse, comprendono forme vigorosamente abbozzate che fluttuano liberamente nello spazio dell'immagine, che rimane per lo più bianco con solo segni chiari e provvisori qua e là. L'ampio senso dello spazio in queste composizioni, pur suggerendo nozioni Zen di "vuoto", trasmette un senso di energia spontanea ovviamente influenzato dalla calligrafia cinese ma posseduta da un'energia più funky che la colloca saldamente nel mainstream internazionale postmoderno. E mentre si è inclini a supporre che sia arrivata a tali parentele intuitivamente, più per osmosi che per progetto, in un altro modo della sua opera, Xiong condivide qualità in comune con i primi dipinti lirici "Impressionisti astratti" di Philip Guston. Queste opere senza titolo sono tra le più colorate e tattili di Xiong, nonché quelle in cui si avvale maggiormente delle tecniche di pittura a olio occidentali, con tratti concentrati centralmente e macchie di tonalità simili a gioielli che interagiscono e si sovrappongono su blu pallido o verde leggermente modulati motivi. Sebbene negli ultimi anni molti pittori asiatici abbiano adottato mezzi e metodi occidentali, Wei Xiong è tra coloro che hanno raggiunto la sintesi di maggior successo. –– Marie R. Pagano Wei Xiong, Galleria Agora, 530 West 25th Street, fino al 17 aprile 2014 Ricevimento: giovedì 3 aprile, dalle 18 alle 20

Leggi altre recensioni