Carlos Puig iniziò gli studi di Filosofia e Lettere all'Università di Buenos Aires, ma la sua formazione non si fermò lì. Ha imparato a dipingere e disegnare da Carlos Gorriarena e ha partecipato a laboratori presso La Asociación Estímulo de Bellas Artes e il Ceramic Instituto. All'età di diciotto anni, Puig si recò a New York City. È stata un'esperienza trasformativa. "La magia di questa città ha influenzato la mia visione della vita, e quindi il mio lavoro", afferma. Dipingendo principalmente con acrilici e smalti, Puig ruota tra tela, carta, legno e cartone, identificando i suoi pezzi tramite numero. I suoi dipinti sono pieni di colori aggressivi punteggiati da spesse linee nere che serpeggiano e si fanno strada come denti di sega. Ogni pezzo è grezzo, una ferita cosparsa di colore che Puig sfrutta per rivelare realtà nascoste. Gli piace stare da solo con il suo lavoro, muovendosi verso la pennellata finale, sostenendosi ad ogni movimento del polso. "Dipingo per essere vivo", dice Puig. “Dipingo per non morire della realtà.” Carlos Puig vive e lavora a Buenos Aires, Argentina.

Opere in evidenza
Vita d'acciaio
Paesaggio del destino
Anomalie II
Iniziazione
Anomalie I

Carlos Puig

Vita d'acciaio

Acrilico su cartone
18,5 x 14,5 pollici

Carlos Puig iniziò gli studi di Filosofia e Lettere all'Università di Buenos Aires, ma la sua formazione non si fermò lì. Ha imparato a dipingere e disegnare da Carlos Gorriarena e ha partecipato a laboratori presso La Asociación Estímulo de Bellas Artes e il Ceramic Instituto. All'età di diciotto anni, Puig si recò a New York City. È stata un'esperienza trasformativa. "La magia di questa città ha influenzato la mia visione della vita, e quindi il mio lavoro", afferma. Dipingendo principalmente con acrilici e smalti, Puig ruota tra tela, carta, legno e cartone, identificando i suoi pezzi tramite numero. I suoi dipinti sono pieni di colori aggressivi punteggiati da spesse linee nere che serpeggiano e si fanno strada come denti di sega. Ogni pezzo è grezzo, una ferita cosparsa di colore che Puig sfrutta per rivelare realtà nascoste. Gli piace stare da solo con il suo lavoro, muovendosi verso la pennellata finale, sostenendosi ad ogni movimento del polso. "Dipingo per essere vivo", dice Puig. “Dipingo per non morire della realtà.” Carlos Puig vive e lavora a Buenos Aires, Argentina.

Vita d'acciaio

Acrilico su cartone
18,5 x 14,5 pollici

Paesaggio del destino

Acrilico su cartone
28,5 "x 22"

Anomalie II

Smalto su Legno
18 "x 21,5"

Iniziazione

Acrilico su cartone
24 "x 20"

Anomalie I

Smalto su Legno
16,5" x 21,5"

Chiedere informazioni

Guarda le mostre passate di Carlos Puig

L'infinito dei pensieri
50 "x 50" - Acrilico su tela